Il Nobel alla poesia. L’mportanza della parola poetica

Il Nobel alla poesia. L’mportanza della parola poetica

Il Nobel alla poesia di Louise Glück, poetessa americana, è un riconoscimento all’autrice, ma in definitiva vuole anche sottolineare l’importanza della parola poetica che dialoga con l’anima. Indica il suo grande valore letterario ma al contempo segnala la trascuratezza e la distanza che da tempo abbiamo messo tra noi e la poesia. Forse perché un po’ tutti, assordati come siamo dai rumori della “techne” e distratti dalle tante immagini virtuali che scarsamente ci appartengono, facciamo fatica ad ascoltare i suoni interni e dialogare con noi stessi. Abitiamo sempre di più spazi superficiali, svuotati di profondità e di memoria che la poesia...

Le conseguenze della quarantena

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato. Secondo ricerche internazionali, infatti, e alcune interessanti indagini italiane di Centri d’intervento e sostegno sono emersi elementi che hanno portato a ritenere quanto le condizioni di isolamento prolungato siano state responsabili dell’aumento dei livelli di stress. Per contenere l’angoscia per il futuro che ha generato sconforto e stati depressivi, molti hanno “alzato il gomito” e hanno iniziato a bere....

La bussola delle emozioni

La bussola delle emozioni

Alberto Pellai – Barbara Tamborini  La bussola delle emozioni Ti sei mai chiesto perché a volte tutto funziona alla perfezione nella tua testa e a volte invece sembra che ci sia il terremoto? Perché ti arrabbi all’improvviso per motivi apparentemente banali, o per un no da parte dei tuoi genitori? Come mai con un professore ti senti rilassato quando ti interroga e dai il meglio di te e con un altro invece sei agitatissimo e rischi di prendere un brutto voto? Immagina di poter avere tra le mani una vera e propria bussola per orientarti nel complesso territorio delle emozioni...

La società della paura che genera mostri

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ha incrementato la paura che è specifica condizione umana e un sistema pervasivo di comunicazioni martellanti l’ha distribuita ovunque a dosi massicce e ha fatto sviluppare dappertutto tormento e insicurezza, angoscia e paranoie. Il guaio è che il ruminare intenso del terrore e dei pensieri colmi di immagini negative e carichi di ansia, sembra non arrestarsi. Neanche quando, a valutare la situazione attuale, il contagio sembra rallentare. Si sviluppa, al contrario, una ulteriore vena minacciosa di timori altrettanto contagiosi che alimenta scenari da panico, idee assurde e comportamenti estremi. Così cresce...

La scuola moderna e il benessere degli studenti

La scuola moderna e il benessere degli studenti

La scuola moderna non ha origini antiche, l’ideologia dei Lumi prima e la Rivoluzione Francese e Napoleone poi ne dettano la partenza. E’ da lì che nasce l’idea che l’“istruzione” sia questione che riguarda l’intera nazione e non solo le famiglie di alto lignaggio. In questa tabella, da me commentata in corsivo, riporto alcuni degli obiettivi della riforma scolastica teresio-giuseppina, della seconda metà dell’Ottocento, ritenuta la “vera matrice della scuola elementare italiana”. Evitare l’eclettismo pedagogico di maestri giunti empiricamente all’insegnamento e adusi a passare indifferentemente da una disciplina all’altra, da un ordine all’altro di studi, senza adeguarsi all’età e alle...

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie.

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie.

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole. L’idea di salutare i compagni per l’ultimo giorno dell’anno, come qualcuno ha detto, è gesto simbolico che serve. È vero, anche se in realtà servirebbe di più un tempo per concludere la sospensione forzata dell’attività scolastica e dare modo a bambini e ragazzi di trasformare le emozioni vissute. I piccoli hanno bisogno di raccontare le loro storie, elaborare la paura che ha allagato la mente dei genitori...

Dal lockdown alla depressione. Se prevale la ruminazione

Dal lockdown alla depressione. Se prevale la ruminazione

Preoccuparsi per il futuro e pensare a come sarà la ripresa che si profila o immaginare quando potremo tornare a fare le cose di prima, è cosa comune durante la quarantena. Ma allo stesso tempo, com’è stato evidenziato da uno studio pubblicato di recente sulla rivista scientifica The Lancet, il lockdown che oltrepassa i 15 giorni, produce stress i cui sintomi immediati sono quelli dell’ansia severa. La forzata clausura mette in moto un flusso continuo di pensieri spesso intrusivi e negativi e scatena paure irrazionali. Pare non conti tanto che le fonti d’informazione siano affidabili e nemmeno che si sappia...

I canti dell’albero

I canti dell’albero

CONTROLUCE TEATRO D’OMBRE I CANTI DELL’ALBEROsu musica di Maurice Ravel ideazione, messinscena e regiatesti Guia Risarisagome originali Cora De Mariaelementi scenografici Alice Delorenzisupervisione musicale Caterina Vivarellidisegno luci Sara Brigatti e Emanuele Wally Vallinotti in scena Alice De Bacco, Pierre Jacquemin esecuzione musicale Sergio Scibilia e Ylenia D’Intronotecnico del suono Carlo Barbagallo in collaborazione con il Conservatorio G.Verdi di Torinoe la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus un progetto di MITO SETTEMBRE MUSICA 2019 Lo spettacolo parte da Miroirs e Ma mère l’Oye, piccolo gioiello pianistico diMaurice Ravel che si ispira al libro di fiabe per bambini Contes de ma mère...

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

“Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti” scriveva così Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si è suicidato pochi giorni fa. Colpisce come sempre la notizia degli adolescenti che si tolgono la vita ma poi sorprende la  modalità con cui vengono date le informazioni sui giovani che arrivano alla cronaca per azioni e gesti estremi e le spiegazioni spesso frettolose e superficiali dei motivi che vi stanno dietro.  Affronta questo tema Carlo Sorrentino con un interessante intervento sulla rivista online rivistailmulino.it/, nel quale sostiene il pericolo che produce...

Nel senso di separazione c’è la radice della sofferenza

Nel senso di separazione c’è la radice della sofferenza

Da dove deriva la sofferenza della maggior parte degli individui?Esiste, cioè, una radice comune a tutti i problemi? Al di là delle infinite situazioni problematiche che possiamo incontrare nella vita e che ci fanno soffrire, c’è qualcosa che possiamo identificare come un motivo di fondoprevalente da cui ha origine la sofferenza umana?Se ci fosse, sarebbe molto utile perché, così, non avremmo più bisogno di pensare a mille soluzioni, dal momento che la soluzione avrebbe una matrice comune.  Esistono miriadi di forme differenti di sofferenza. Ogni persona (e ogni storia) è unica ed irripetibile: qualcuno soffre a causa di eventi traumatici che...

Adolescenti. Quei temerari sulle macchine volanti

Adolescenti. Quei temerari sulle macchine volanti

        C’è un tempo bellissimo, tutto sudato Una stagione ribelle L’istante in cui scocca l’unica freccia Che arriva alla volta celeste E trafigge le stelle… (“C’è tempo” di Ivano Fossati) Prendo a prestito il titolo di un libro sulle tossicodipendenze del prof. Cancrini (1982) che a sua volta riprendeva il titolo di un vecchio film (1965), ma trovo che l’espressione “quei temerari sulle macchine volanti” evochi perfettamente, almeno in me, cos’è l’adolescenza e conseguentemente chi è l’adolescente,  con quel tanto di pericolo che il desiderio di volare, a partire da Icaro, comporta. Questa rivista si occupa spesso delle...

Un spécial charme. Il fascino speciale dei bambini Down

Un spécial charme. Il fascino speciale dei bambini Down

Una cara amica e collega Claudia Cannavacciuolo ci invia la presentazione di un importante progetto di ricerca che ha bisogno del sostegno di tutti coloro che hanno a cuore la vita e il benessere delle persone con Sindrotme di Down. Volentieri riceviamo e pubblichiamo l’intervento della dottoressa Cannavacciuolo a nome anche dell’Associazione “Il Sorriso – Das Lächeln” di Bolzano, che in occasione del 21 MARZO 2021, Giornata mondiale della Sindrome di Down, ha una campagna per sostenere la ricerca scientifica sulla Sindrome di Down. “Un fascino speciale” è il pensiero che il prof Lejeune rivolgeva ai bambini con la Sindrome...

Santina Portelli. Mostra personale a Milano

Santina Portelli. Mostra personale a Milano

Segnaliamo con piacere la Mostra personale di Santina Portelli, collaboratrice del nostro Magazine, che dal 15 al 28 giugno 2021 sarà presente con le sue opere a Teatro della Cooperativa in Via Privata Hermada nr. 8, a Milano Il titolo della collezione “La risalita” è evocativo e preciso e la stessa autrice ce lo illustra con le sue parole: La Risalita D’improvviso nella notte, in fondo in fondo a me, intravedo una luce, che lentamente acquista forza ed intensità, diventa sempre più nitida ed io intuisco che mi devo aggrappare a lei per risorgere e così ho fatto. Mi sono...

Educare alle regole. Intervista a Gherardo Colombo

Educare alle regole. Intervista a Gherardo Colombo

 Gherardo Colombo, da quando ha lasciato la magistratura, si dedica all’educazione alla legalità incontrando ogni anno  studenti e insegnanti nelle scuole italiane di ogni ordine e grado. Noto per le importanti inchieste sul crimine organizzato, la corruzione, l’inchiesta “Mani pulite” e molto altro, dieci anni fa ha contribuito a fondare l’associazione Sulleregole che opera gratuitamente per diffondere la conoscenza della Costituzione. Proprio grazie al suo costante impegno nell’ambito dell’educazione alla cittadinanza ho avuto l’opportunità di conoscerlo e di intervistarlo su importanti quesiti relativi alla scuola.     Buongiorno Gherardo, come ha avuto inizio il tuo percorso di incontri con le scuole e...

Le parole dell’odio online. Violenza da contrastare

Le parole dell’odio online. Violenza da contrastare

“Vai a lavorare cretino!” e “Sei un escremento di rinoceronte” sono solo alcuni dei messaggi offensivi che il professor Roberto Burioni, virologo di fama, ha ricevuto nelle settimane scorse sui social. Da un po’ di tempo nel mirino degli haters, gli odiatori, il noto medico che dedica attenzione alla divulgazione scientifica, ha poi sorpreso tutti dicendo “Non li denunciamo ma li sputtaniamo”. Cosa che ha suscitato reazioni e giudizi contrapposti. Vista la notorietà del personaggio, pensi che Burioni, esacerbato dalle continue offese pubbliche, abbia perso la pazienza e reagito con la stessa modalità degli odiatori. Una reazione comprensibile, ma serve...

I treni di Tozeur. Viaggio e poesia di Battiato

I treni di Tozeur. Viaggio e poesia di Battiato

La costruzione di mattoni cotti al sole come parole scaldate dalla passione. Piccole finestre bifore a simboleggiare afflato verso l’altrove, il mistero, l’incantesimo. Intorno tanta polvere come oro nel caldo tunisino. Per raggiungerla questa stazione avevamo seguito dei cartelli, un po’ in arabo un po’ in francese, che ci guidavano mentre attraversavamo sulla nostra jeep i margini del più grande lago salato della Tunisia semidesertica, il Chott el Jerid. Poi abbiamo visto le rotaie… “Nei villaggi di frontiera guardano passare i treni Le strade deserte di Tozeur” E infine eccomi davanti alla Gare de Tozeur.  Dopo aver comprato nei souk,...

Far vibrare le nostre corde per far cantare l’anima

Far vibrare le nostre corde per far cantare l’anima

“Tutti noi influiamo l’uno sull’altro. È un’unica, immane vibrazione che si irradia in ogni direzione. È meglio che incominciamo a costruire i nostri ponti, altrimenti i crepacci diventeranno così profondi che non riusciremo mai a scavalcarli” (Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982).   Un ponte… per la precisione un ponticello. Non intendo parlare del ponte che tutti noi abbiamo in mente, quello che ci permette di attraversare un fiume o un’autostrada. No, non a quello sto pensando, ma a un minuscolo ponticello in legno, finemente lavorato, che riveste un ruolo davvero importante in tutti quegli strumenti che fanno parte della...