Home CALLEGARO Carlo Matteo

Autore: CALLEGARO Carlo Matteo

Articolo
L’estate e la scuola. Come metabolizzare l’apprendimento

L’estate e la scuola. Come metabolizzare l’apprendimento

Le vacanze estive sono iniziate, e i ragazzi/e possono sicuramente riposare e dedicarsi ad altre attività diverse dalle scuola. Molti insegnanti e genitori spesso si preoccupano che in questi mesi estivi i loro alunni “dimentichino” ciò che hanno appreso nei mesi precedenti. Questo può accadere, ma credo che la causa non sia da imputarsi esclusivamente...

Articolo
Sostenere i ragazzi nella scuola superiore

Sostenere i ragazzi nella scuola superiore

“Dottore, mio figlio a giugno finirà la scuola media. Si è iscritto in un Istituto Tecnico, ma è molto demotivato e spaventato di quello che accadrà l’anno prossimo. Come possiamo aiutarlo?” Questo è il testo di una telefonata che ho da poco ricevuto, e devo ammettere che non è l’unico genitore che si rivolge a...

Articolo
Povertà economica e povertà educativa

Povertà economica e povertà educativa

Le disuguaglianze Il 16 febbraio 2021 sul sito di Openpolis, una fondazione nata per la ricerca sociale e per la diffusione di ricerche e sociali, si pubblica una recente ricerca in cui si parla di diseguaglianze di reddito in Italia e povertà educativa. Nello specifico si evidenzia come a oggi, nel nostro paese, sia presente una...

Articolo
Chi si prende cura degli insegnanti?

Chi si prende cura degli insegnanti?

La maggioranza degli articoli e delle discussioni rispetto al tema scuola, in tempo di pandemia, verte sui ragazzi. Su chi sta usufruendo della DAD e delle tante difficoltà di vivere la scuola dalla parte del fruitore. C’è però l’altra dimensione, quella degli insegnanti. Se la situazione attuale porta sicuramente tanto disagio negli studenti, sono certo...

Articolo
I divanati. Quei ragazzi in sospensione

I divanati. Quei ragazzi in sospensione

Nel 2019 l’ISTAT stima in 2 milioni circa i giovani italiani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano. Un numero veramente impressionante, che però va letto con attenzione, perché ragazzi che non sono classificati come disoccupati o forze di lavoro potenziali sono la metà. Di fatto stiamo parlando di...